domenica 7 dicembre 2008

Live from Convegno GT - Domenica pomeriggio


Ore 14.05 Riprendiamo dopo il pranzo con l'intervento di Luca Catania .."non aprite quella busta" ;-)
Luca interviene parlando delle tecniche di persuasione applicate al web. Come attirare e calamitare gli interventi degli utenti?
Come al solito Luca sorprende tutti con una presentazione davvero difficile da dimenticare ;-) (vi consiglio di cercare qualche foto in giro, io le mie le ho messe su FB)

Ore 15.00 Prende la parola con una mezzoretta di ritardo sulla tabella di marcia Luca Bove, che con Deborah Del Cortona interviene sulla Local Search e le google maps da Mobile.


Ore 15.45 ... mi sa che tocca a me.... ;-) Intervento sui problemi nel tracciamento delle lead... nonostante il caldo e la stanchezza direi che non sia andato troppo male, anche se un paio di persone le ho viste davvero vacillare.. ;-)

Ore 17.05 in clamoroso ritardo sulla tabella di marcia, inizia Fabio Pagan0 il suo intervento : "Landing Pages Analytics one to one". Fabio illustra strategie di marketing one to one e relativa tracciabilità.

E' il momento di Alessandro Banchelli, che risponde con una piccola storia personale all'intervento a dire il vero leggermente pessimista di Nereo di ieri sui venti della crisi per il 2009.... davero una empatica simpatia tutta livornese il suo speach tutto dedicato alla attività .

Ultimo intervento, Tiziano Fogliata di Motoricerca.net che chiude gli speach di questa seconda giornata parlando di Corporate Blog e social media. Una panoramica chiara sulle strategie e gli aspetti da tenere in conto quando si affrontano certi progetti.

Tiziano tra l'altro sta facendo anche lui sul suo portale un ottima copertura del Convegno, bloggando live, dalla sala. Ecco tutti gli articoli pubblicati per ogni intervento.

Approfitto per segnalare anche Nelli, Elena Farinelli, che invece sta bloggando su Wmtools.com e i post aperti sul Forum GT

Il convegno viaggia verso al chiusura, manca la tavola rotonda finale.

Si possono tirare le prime somme... una parola sola: ottimo!

Rimando pero' ai prossimi giorni (dopo l'evento di giovedi) un commento piu' articolato e puntuale ... troppa stanchezza per farlo "a caldo" .

E' stato davvero un onore moderare un evento cosi'... sinceramente abbastanza immeritato, visto che quest'anno TUTTA l'organizzazione è stata gestita in maniera eccellente da Giorgio & Cosmano insieme allo Staff di GT LAB... di cui, sono sicuro, sentiremo parlare presto...

Grazie! ;-)

Live from Convegno GT - Domenica mattina


Ore 9.15 Inizia la seconda giornata. La sala già quasi piena attende l'arrivo del Taverniti... ;-) Prevedo un inizio con circa 30' di ritardo....

Primo intervento previsto, ancora Francesco Tinti (Mister jinx) che interverrà ancora sulle penalizzazioni di Google.

L'approccio di Francesco è ormai una sua caratteristica .. tutto cio' che dice viene corroborato da riferimenti precisi a affermazioni di googlers tipo Matt Cutts o da documenti e brevetti ufficiali. Anche le case Histories (tutte provenienti da segnalazioni sul forum GT) sono chiare, precise e interessanti.

Da segnalare una domanda dal pubblico che segnala una probabile penalizzazione sul Google Local Box (piu tardi un altro intervento dovrebbe parlare proprio di quello)

Ore 10.05 Michal Gawel inizia il suo intervento. Come scegliere una agenzia SEO? Quale modello di approccio SEO va bene per ogni tipologia di cliente?
Ma anche come scegliere bene un cliente da parte di un agenzia o un consulente? cito le sue parole "...è molto difficile far salire un sito che parte da un principio sbagliato..."

Molto interessante la visione sulla "creazione del valore" di un progetto web... i "siti vetrina" in generale non puntano sulla creazioni di valore ma semplicemente sfruttano il valore "di google"... ecco quindi che il SEO si pone su piani diversi... da una parte non si puo' che fare "l'indiano" (link!) o fare consulenza strategica.

Ore 11.15 Coffee Break... viaggiamo con circa 20' di ritardo.. Michal non si riusciva piu' a fermare...

Ore 11.35 è il momento di Enrico "Low" Altavilla con uno speach "live" di analisi SEO sui siti dei partecipanti..... molto "white" le analisi fatte.

sabato 6 dicembre 2008

Live from Convegno GT - Sabato pomeriggio

Ore 14.45 Inizia con 15' di ritardo la sessione del pomeriggio. Durante il pranzo (ottimo) buone se non ottime le impressioni che sento fra i partecipanti.

E' il turno di Francesco Tinti (Mister Jinx sul forum GT) che porta un intervento sulle penalizzazioni e su certi "glitch" di indicizzazione avvenuti intorno ad aprile 2008 su Google (meglio note come "Dewey Update") . Francesco con il piglio del "segugio" e dell'inevstigatore privato ci sta mostrando le sue personali deduzioni sull'avvenimento.

Ore 15.30 con qualche problema al file power Point è il momento di Dechigno (Michele de Capitani) che porta un intervento sulle "Fluttuazioni" di cui si è occupato in maniera costante durante tutto l'anno come moderatore della sezione penalizzazioni sul forum GT.

Molto interessante il grafico comparativo fra 6/7 siti seguiti da Dechigno del loro andamento nelle serp durante l'anno , con l'evidente analogia delle fluttuazioni. Anche il legame con i picchi di crawling da parte dello spider prima e dopo la penalità è davvero un fenomeno da tenere in conto nell'analisi delle cause.

L'intervento di Dechigno è stato molto apprezzato. Ora dopo il Coffee Break è il momento di Nereo Sciutto che con un intervento a sorpresa....

Molto interessante anche la discussione nata dal provocatorio intervento di Nereo.... si parla di IAB, di PMI di internet e del ruolo del consulente e della azienda web nel interpretare il mercato dell'internet advertising.

Ore 17.35 Con una ventina di minuti di ritardo inizia il suo intervento Piersante Panaghel (di TSW) con una Case History che vuole mettere in evidenza i fattori "trascurati" del SEO , come la struttura del sito e i tempi di risposta al bot.

Davvero molto belle (e chiare!) le immagini dal webmaster tool di Google che evidenziano le tesi di Piersante sull'importanza diretta e, in alcuni casi decisiva, dell'importanza dell'efficenza del server.

Ore 18.05 è il momento di Cesarino Morellato, ultimo intervento prima della tavola rotonda finale. Semplice e chiaro l'esempio di ottimizzazione Video presentato.

18.20 Inizia la tavola Rotonda. Interviene Low (Enrico Altavilla) che dopo aver segnalato una estensione per firefox per il controllo del peso delle pagine (ho capito bene?) riprende la discussione lanciata da Nereo durante il suo intervento sul futuro del SEO (inteso come mestiere).

0re 19.11 finisce la prima giornata ;-) a domani!

Live from Convegno GT - Sabato mattina


Ore 9.00 Arrivano i primi partecipanti. Giornata splendida a Riccione.. splendida anche la location. Carico qualche foto su FB ;-)
Ore 9.40 La sala è piena ... circa 200 i presenti
Ore 9.45 Giorgio Taverniti apre il convegno

Ore 10.00 in perfetto orario Daniele Bogiatto inizia il suo intervento su "il SEO su Ebay"
Interessanti le considerazioni sui parametri che influenzano il nuovo algoritmo di posizionamento delle inserzioni su Ebay. Differenza fra posizionamenti a pagamento e "organici".


Finalmente
qualcuno che parla delle pagine delle inserzioni come di vere e proprie Landing Page . Documenti interessanti da scaricare qui: blogs.ebay.it/superesperto/ .

Ore 11.15 Dopo un ottimo Coffee Break (o Brik?) approfittandone per fare i miei complimenti alla organizzazione perfetta, è il momento di Tommaso Galli (Dsom) e il suo intervento sull'importanza dell'analisi iniziale per le campagne Marketing.

Tommaso
fa a mio giudizio un intervento eccezionale! Molto interessante e vera l'analisi che fa sulla necessità di "guidare" i propri clienti verso scelte "intelligenti" nell'approccio al SEO.
In una Case History su (Hotel Roma), individua una strategia di lavoro basata sul posizionamento del BRAND motivata da una analisi specifica dei risultati preventivi SEO che individua la probabilità di ottenere visibilita in certi campi semantici rispetto a gruppi di tipologie di risultati (siti diretti, portali, User generated Content sites).

Ore 11.55 (solo 5 min. di ritardo :-)) Juanin e Bocas iniziano il loro intervento sulle tecniche (pratiche e a basso Budget) per posizionarsi in lingua inglese ( o comunque non in italiano).
Utili una serie di link a servizi di submission a pagamento ( x directory, A.M. e Comunicati) sul mercato USA.

Ore 12.30 The Social Show ! Giorgio Taverniti... con il suo intervento in "real time" sulla promozione di un e-book attraverso l'utilizzo dei social network.
Vedere Giorgio all'opera è davvero "un esperienza" ;-) Ecco l'ebook ("Ebook SEO e Web marketing") oggetto dell'"esperimento".

giovedì 4 dicembre 2008

Una fine d'anno ricca di eventi!

Dopo la partecipazione all'ultimo Corso Sitovivo di Torino del sabato passato, dove ho tenuto un breve intervento sulla "Web marketing Intelligence", ancora due importanti eventi ci aspettano prima del Natale:

Sabato e domenica prossima arriva il 3° Convegno GT (http://www.convegnogt.it/) a Riccione, dove ho il piacere di partecipare insieme a un nutrito gruppo di relatori davvero eccezionali!

L'intervento che terro' sarà sempre legato al tema del tracciamento delle Lead di cui sto per pubblicare anche un breve Ebook, 'Lead Engagement' e misurabilità del Marketing Online - Ma tu di che ROI parli? che è il lavoro finale dell'analisi fatta sui problemi legati al tracciamento delle campagne marketing online anche grazie a discussioni avute con Fabio Pagano di SitoVivo e Tambu, che ringrazio fin d'ora.

Ma l'impegno davvero piu' grosso mi aspetta poi giovedi 11 dicembre a Empoli, dove presiedero' l'incontro "Strategie di Marketing nel web 2.0" organizzato dal gruppo Sesa/Computervar .

L'incontro è gratuito e dedicato ad aziende (PMI!) interessate a capire le possibilità offerte dalla rete per la loro promozione... un escursus di un intero pomeriggio che ha l'ambizione di "toccare" la maggior parte delle tematiche: pianificazione di campagne, il SEM, l'uso dei Social network e del "Marketing 2.0", ma anche web analytics, Email marketing... insomma tre ore fitte, fitte in cui spero di riuscire a stimolare qualche idea e ad accendere qualche lampadina.

Oltre 110 aziende hanno dato ad oggi la loro adesione! davvero un successo inaspettato, ma anche una bella responsabilità... :-)

Tutte le informazioni le trovate qui: www.sesa.it/web-marketing/
Aggiornamento del 4 dicembre : il numero delle adesioni è salito a oltre 160 ! davvero un successo inaspettato...

martedì 2 dicembre 2008

Facebook chiuso nelle ore d'ufficio...

Un grande gruppo informatico italiano, uno dei piu' grandi. Oltre 400 dipendenti in diverse sedi sparse per l'italia e un "problema" ... il tempo speso su Facebook durante le ore di ufficio da parte del personale!

L'azienda decide cosi' di limitare l'accesso a Facebook a tutti i dipendenti dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. Tutti nessuno escluso, commerciali, consulenti e area marketing compresi.

Efficenza o miopia?

.. e pensare che io al loro posto obbligherei ogni dipendente ad avere un account, sia su facebook che su Linkedin, obbligherei i commerciali a tenere relazioni con il proprio parco clienti attraverso quegli strumenti, adotterei tutto cio' che quei social network offrono per intrattenere relazioni e creare opportunità.. gruppi, eventi, pagine, applicazioni con creatività, ingegno e passione.

Internet, il web 2.0, non cambieranno il mondo delle relazioni di lavoro e del rapporto azienda/cliente... il mondo è già cambiato!

Ma come è possibile non accorgesene ancora?

domenica 9 novembre 2008

IAB, tutto bello ma... "dove sono" le PMI italiane?

Molto interessante e ricca di spunti la due giorni dello IAB a Milano.
Per noi addetti ai lavori ma anche per clienti e semplici interessati al settore è certamente un appuntamento da non perdere:
presenti tutte le principali aziende italiane e non solo, legate al mondo dei servizi "web Marketing"; ci sono le grandi media Agency, le Top SEO & SEM Agency, ci sono i grandi player del settore da google a Yahoo, da Alice alla RAI e poi ancora i produttori di piattaforme di web analitics con Stand scintillanti e interventi Live a tratti davvero interessanti, ma...

Lo dico subito: sono un po' stufo di vedere rappresentato il "nostro mondo" tutto lustrini, grandi Brand ed inglesismi... ma dove sono le piccole e medie imprese italiane? chi le rappresenta? chi si rivolge a loro? dove sono i servizi e le aziende alla loro portata?

Non ne ho viste nessuna allo IAB! Sicuri sia la strada giusta?

Mauro , Layla, mi domando, ok, porre la giusta attenzione alle 4 o 5 mila grandi aziende italiane, che fanno la giusta fortuna di molte delle Vs aziende, ma sbaglio o in italia esistono anche e soprattutto 4 o 5 milioni di piccole e medie imprese che sono il cuore della nostra economia?

E' mai possibile che non ci fosse un solo stand che avesse un offerta mirata (parlo anche della forma di comunicazione e promozione) ad una piccola azienda?

Non c'è stato un solo speach in cui il relatore di turno, nel mostrare la slide di presentazione della propria azienda, non abbia fatto sfoggio della classica collezione di grandi marchi e Brand clienti : banche, assicurazioni, Fiat, Barilla, Danone, Alitalia, ecc ecc

Fatemi capire ma quindi si puo' fare qualità in questo settore SOLO con le grandi aziende? E' questo il messaggio che esce dallo IAB ?

Su Internet hai ragione solo se hai grandi budget?

Non sarebbe credibile uno speacker che annoverasse fra i suoi clienti qualche albergo di Roma, Firenze o della costiera amalfitana? oppure una serie di scatolifici della brianza o una specializzazione nelle filiera delle concerie empolesi?

Giuro, che se mai avro' occasione di presentare la mia azienda in IAB (basta pagare lo so...) lo faro' dedicando le mie slide ai tanti clienti "normali" che ho l'onore e il piacere di seguire! :-)

Lo dico senza polemica, ma insomma dai, facile fare SEO alla Danone... ma davvero faremo crescere l'economia web se le pagine dei suoi Yogurt avranno URL Seo-friendly ?

Chi spiega e promuove online il "Noleggio Camper a Firenze"? Chi muove l'ecommerce del negozio specializzato della pesca o dell'abbigliamento moto? Chi insegna all'agriturismo a promuoversi per il ponte del 1° maggio? Chi vende il tartufo nostrano negli stati uniti?

Tutta la sfida del "mondo internet" italiano è davvera limitata a convincere le grandi aziende a spostare parte dei loro milionari investimenti pubblicitari dal marketing tradizionale off-line al web ?
Layla, Mauro, secondo me vi state dimenticando di un pezzo importante! Trovate il modo di rappresentare anche quello e lo IAB sarà davvero " l'appuntamento " del web italiano.

Internet marketing non è solo Coca-Cola e Fiat 500, con tutto il rispetto per le meravigliose Case History che rappresentano... le sfide , la vera sfida di uno sviluppo tecnologico e di comunicazione per il nostro paese è un altra... ci sono centinaia di aziende SEO/SEM e collegati e centinaia consulenti che vivono ogni giorno in un mondo che sta su un piano troppo lontano da cio' che IAB rappresenta oggi.

E' una sensazione (forse un po troppo marcata) ma anche una costatazione... se immagino il 90% dei miei clienti camminare con me fra gli stand o ascoltando gli incontri e le relazioni, bè , avrebbero percepito sicuramente "troppo lontano" e fuori portata gran parte dei servizi offerti...

Se vogliamo aprire le porte del Web alla gran parte delle aziende italiane.... dovremmo, a mio giudizio, parlare ANCHE con il loro linguaggio.

E poi se c'è una cosa che caratterizza il web è proprio quella di essere alla portata di tutti... persino Obama (di cui tutti ci riempiamo la bocca come esempio di utilizzo della rete) è diventato il candidato che ha raccolto piu' fondi nella storia delle elezioni americane.. attraverso non soltanto attività di lobby sui grandi gruppi economici e industriali, ma raccogliendo anche 5, 10 , 100 dollari ma da milioni di singoli cittadini attraverso l'uso intelligente del web...

Vogliamo far crescere il Web advertising italiano? ..insegnamo allora come spendere bene i primi 5mila euro alle nostre 5 milioni di piccole imprese e forse quegli 800 milioni previsti da Nielsen per il 2009 sembreranno "noccioline" :-)

O no?

Altri articoli e post sullo IAB 2008 :
http://blog.01net.it/?p=744
http://blog.tagliaerbe.com/2008/11/iab-forum-2008-considerazioni-finali.html
http://www.totale.it/chi-si-deve-muovere-verso-chi-riflessioni-post-iab-forum-628.html
http://www.andreutti.it/web-marketing/il-primo-giorno-di-iab-forum-in-5-punti.html
http://webmarketing-aziende.myblog.it/archive/2008/11/09/allo-iab-non-si-accenna-alla-gdo.html
http://www.onemarketing.it/07/11/2008/iab-forum-2008-back-to-basics/
http://www.wmtools.com/news/eventi-seo/iab-forum-2008-prime-considerazioni
http://www.yoyoformazione.it/2008/11/considerazioni-su-iab-2008.php
http://www.semperseo.it/varie/la-pillola-di-saggezza-del-giorno-dopo/
http://digital-intranos.blogspot.com/2008/11/iab-forum-milano-2008.html
http://www.myweb20.it/Eventi-web-2008/nuvole-di-iab-forum-2008-parte-2.html
http://www.terraenuvole.com/iab-forum-2008-riflessioni-della-domenica/


Video carrellata dell'evento (grazie a Tagliaerbe) :


Layla Pavone : "vogliamo rappresentare tutti..."

martedì 21 ottobre 2008

Fattori di posizionamento su Google Local OneBox,

Il SEO "geolocalizzato" del google Local OneBox, sta assumendo sempre maggior importanza per un numero crescente di progetti di Posizionamento sui Motori di Ricerca.

Sono moltissime le risorse e gli articoli online dove trovare informazioni sui principali fattori che determinano il posizionamento all'interno del Box di google dedicato ai risultati locali, ve ne segnalo tre in particolare:

- Questo articolo di Marco Ziero (alias Cibino)
- Questo articolo sul Search Engine Journal

In ognuna di loro si cerca di analizzare e pesare i principali fattori che concorrono all'algoritmo di ranking all'interno del Box (che presenta un massimo di 10 risultati), perchè una cosa è certamente chiara: a "decidere" chi e come si viene inseriti all'interno del OneBox è, e non poteva essere diversamente, un algoritmo!
Ed un algoritmo come tale è fatto da differenti fattori che influiscono ciascuno con un peso specifico proprio al posizionamento finale, esattamente come avviene anche per i "normali" risultati organici di google.
Ma c'è una importante differenza, diciamo "concettuale" : per comprendere meglio il ranking dei risultati locali, piu' che all'algoritmo del Motore di Ricerca, il parallelo andrebbe fatto come idea e struttura al punteggio di qualità che influenza il posizionamento dei risultati sponsorizzati (il cosidetto "Quality Score" ).

Perchè come nel Quality Score del Pay per Click, anche per i risultati locali, si deve porre l'attenzione su tre elementi diversi:

- La query (esatta) dell' utente

- Il contenuto della scheda dell'esercizio commerciale (e la sua posizione geografica rispetto alla località oggetto della query)

- La pagina di destinazione (cioè il sito web) linkata dalla scheda

Con un parallelo concettuale con gli elementi su cui bisogna concentrarsi nell'analisi del Quality Score che regola il PPC : la query, il testo dell'annuncio, la pagina di destinazione.

Come procedere quindi per posizionarsi al meglio all'interno del Google Local OneBox?

Detto che in primo luogo nei risultati locali "bisogna esserci" (Google Local Business Center, oppure grazie a Pagine Gialle e numerosi altri portali a seconda del proprio settore commerciale) la prima attenzione va riposta alla

1) Analisi delle "keywords" (e della località ovviamente) per cui si vuole essere trovati:

Ricerche del tipo: "Consulente web marketing a Firenze" oppure "Consulenze web marketing Firenze" o ancora "Web marketing Firenze " portano infatti a differenti Serp "locali" .

A differenza del posizionamento di un documento o di un sito web nei risultati organici, per il posizionamento in quelli locali, conviene concentrarsi su un unica Keyword o su un raggruppamento semantico molto preciso, lo "spazio di manovra" a disposizione per lavorare sui contenuti testuali è infatti abbastanza ristretto, dato che si limita in massima parte sul contenuto della scheda (che non lascia troppo spazio ai contenuti testuali):

2) Della scheda quindi i fattori piu' importanti sembrano essere:

- L'indirizzo e la posizione geografica rispetto alla esatta località cercata

In generale cercando un nome di località (tipo "Firenze", ma anche" Firenze Peretola ") google associa un punto geografico "esatto" ... provate a cercare la località di vs interesse e zoommate la mappa fino a scoprire l'indirizzo a cui viene associata la località; a questo punto sono due gli aspetti che contano:

>la vicinanza dell'esercizio commerciale
>la corrispondenza "semantica" tra la località cercata e il vs indirizzo ;-)

- Il nome del vs esercizio Commerciale e in generale il Titolo della Scheda

Facciamo alcuni esempi: se il vs Hotel si chiamasse "Hotel Peretola" sarebbe ottimo per una ricerca locale del tipo " Hotel a Firenze Peretola" perchè a prescindere dalla sua localizzazione piu' o meno vicina alla zona di Peretola ha il nome che coincide con la località cercata. Meno ottimizzato sarebbe invece per una ricerca del tipo "Albergo Peretola" o ancor meno per una query del tipo "Albergo vicino aeroporto a Firenze" (NB a Firenze l'aeroporto si chiama "Peretola").

Ecco cosa intendevo quando dicevo che la prima cosa da fare è analizzare bene la query su cui maggiormente si vuole puntare... ;-)
Se, quindi, il nome del vs esercizio commerciale è di per se ottimizzato tanto meglio, se no, cercate di fare "il possibile"... (ma senza esagerare, se no diventa Spam "locale" :-) ) ... un esempio lo trovate in questa query : "Realizzazione siti web a Firenze" i primi due risultati locali hanno saputo integrare al meglio la propria ragione sociale presente nella scheda (soprattutto il secondo ;-) ).

- La completezza della scheda

Dettagli, Foto e Video, ma soprattutto recensioni ... completare la scheda è molto importante. A seconda del proprio settore merceologico poi, quello delle recensioni è un punto che puo' diventare determinante (soprattutto se avete anche la "fortuna" che chi le realizza abbia l'accortezza di usare keywords interessanti ;-) ).

Infine veniamo alla
3) pagina di destinazione
Questo elemento è spesso sottovalutato quando si parla di risultati locali del OneBox, ma ho potuto verifcare come invece ci siano delle interessanti relazioni dirette..


Viceversa non avrebbero dovuto raddoppiare (in un solo anno) il numero dei Camper a Noleggio, gli amici della società Il Cerchio di Firenze... ;-)

In alcuni casi la relazione temporale che ho potuto osservare di un miglioramento del ranking all'interno del Google Local OneBox, attraverso un intervento nella sola pagina di destinazione è stato davvero impressionante! provare per credere!
Vi sono altri elementi che influenzano il posizionamento ?

4) Elementi esterni

Non sono convinto che linkare schede locali porti vantaggi evidenti di ranking nel OneBox (sempre in anchor ovviamente, tipo web marketing), anche se è molto plausibile che un fattore del genere sia certamente utilizzato, invece ho abbastanza certezza dell'importaza delle Mappe generate dagli utenti .

Conclusioni :

Non avete tempo per testare e provare personalmente ogni dettaglio?

allora ecco i miei "Fattori Killer " del posizionamento su Google local OneBox, su cui iniziare i vs test:
- Distanza dal centro località
- Title della scheda
- "Corrispondenza semantica" fra la query originale (intesa nel suo complesso keywords+località) , la scheda (tutta compreso foto e recensioni) e la pagina di destinazione (decisiva!)

lunedì 20 ottobre 2008

Aperte le iscrizioni al III Convegno GT - Riccione 6/7 dicembre 2008



Sono aperte le iscrizioni al III Convegno GT, quest'anno a Riccione il 6 e 7 dicembre.

Anche in questa edizione tanti professionisti e addetti ai lavori a confronto in una due giorni in cui è il SEO a farla da padrone , ma dove ancora quest'anno troveranno spazio anche altri argomenti legati al mondo del "Web marketing":

oltre alla moderazione di alcune sessioni, il mio intervento sarà dedicato alla "Lead Engagement" e alle problematiche nel tracciamento dell'e-commerce e in generale delle campagne finalizzate all'ottenimento di "Lead" tipiche del "Marketing Diretto".

Tra qualche giorno, anticipero' alcuni argomenti sia qui sul Blog che attraverso una piccola sorpresa...

Questi ad oggi relatori che hanno confermato la loro presenza:

Giorgio Taverniti (GT Idea Srl - Giorgiotave nel Forum GT)
Nicola Briani (Computer Var Net - Nbriani nel Forum GT)
Alessandro Banchelli (eDentity Coach)
Francesco Tinti (GT Idea Srl - Mister.jinx nel Forum GT)
Michele de Capitani (Prima Posizione Srl - Dechigno nel Forum GT)
Deborah Del Cortona (D&D Web Design - Deborahdc nel Forum GT)
Andrea Pernici & Emanuele Bolondi (GT Idea Srl - Juanin e Bocas nel Forum GT)
Tiziano Fogliata (Motoricerca.net - Tixx nelForum GT)
Johnnie Maneiro (980km.com - Masterx nel Forum gt)
Nereo Sciutto (Web Ranking - Nereo nel Forum gt)
Piersante Paneghel (Pieropan nel Forum gt)
Cesarino Morellato (Outrider - Cesareone Nel Forum gt)
Enrico Altavilla (Sems - Lowlevel nel Forum gt)
Michal Gawel (SEO Lab - Micgaw nel Forum gt)


..ma le sorprese potrebbero non essere finite... nei prossimi giorni verrà annunciata la presenza ufficiale anche di... bè , vi lascio un po' di suspance ... tutte le informazioni le trovate comunque qui:

www.convegnogt.it

Ovviamente c'è anche la pagina e il gruppo su Facebook

sabato 18 ottobre 2008

Siate folli, Siate affamati...

Lo guardo e riguardo spesso questo video e penso alla fortuna che ho nel fare un lavoro che mi piace e che mi appassiona... cosa c'entra con un Blog dedicato al "Web marketing" ? ..bè ognuno trovi la risposta che vuole... io la mia me la tengo ben stretta!

Steve Jobs, CEO di Apple , Università di Standford 2005



I parte , 7 minuti ca



II e ultima parte , 7 minuti ca


Se non lo avete mai visto vi basta un quarto d'ora di tempo... non saranno minuti sprecati.

giovedì 9 ottobre 2008

Facebook, prime impressioni...


Alla fine ho ceduto, da bravo "web marketer" ho dovuto trovare il tempo per aprire il mio profilo su Facebook:

Che dire? Impressioni ottime, ..non è soltanto l'esperienza "cool" del momento ma il nuovo "web" che avanza ogni giorno con piu' chiarezza.

Se c'è una definizione di web 2.0 che possa esprimere il fenomeno " social network", in modo soddisfacente è proprio forse che si tratti dell'evoluzione di Internet da rete intesa come collegamento fra macchine (computer) a rete di collegamento fra persone.

E se le macchine si scambiano pacchetti di byte, informazioni e documenti, le persone invece si scambiano vita, socialità interessi rendendo l'esperienza certamente piu' ampia.


Ma forse la cosa piu' interessante è quella di incominciare a intravedere anche porte e strumenti di accesso finalmente diversi: le due reti, infatti, non sono contrapposte, ne l'una predominante sull'altra.. ma vivono come mondi paralleli ( e spesso coincidenti): la prima accessibile con i tradizionali strumenti di Information retrieval (i mdr) , la seconda con nuove e specifche porte: facebook, myspace, ... e tutto il web 2.0


Ci siamo. Molte novità potrebbero attenderci nel futuro, è la chiave vera per aprire la rete al mondo, l'espressione forse piu' bella del web... nata con forza dal basso e non imposta da un player piuttosto che un altro ma semmai proprio risposta allo stereotipo dell'alienazione moderna che ci vuole chiusi nelle ns caverne davanti a monitor, schermi e video di varia natura....


Nel "Social" c'è tutto : in 48h ho potuto rincontrare e fissare un aperitivo con amici persi dai tempi del militare, ricevere suggerimenti sul ristorante dove mangiare, parlare con il cugino che vive lontano.. conoscere prodotti, ma soprattutto "marcare il mio territorio virtuale", esprimere interessi, gusti e riconoscermi, confortato, in gruppi e aggregazioni sociali come natura e istinto ci impongono da sempre.


Davvero interessante, davvero cosi' umano... una delle espressioni tecnologiche forse piu' vicine alla ns natura "sociale" ... anche se certo come direbbe la mia Nonna se potesse vederlo, sempre dietro ai monitor rimaniamo.


Ovviamente, non potevo non osservare Facebook, anche dal punto di vista del "Consulente Web Marketing" ...e qui, a differenza di altre esperienze (ricordo ad esempio la prima "esplorazione" di Second Life) si capisce subito che c'è da divertirsi! .. le "pagine" , i "Gruppi", le "applicazioni" offrono strumenti davvero interessanti e soprattutto subito limpidi e chiari anche in chiave "business"...


Il web 2.0 visto dalla parte delle aziende puo' essere definito come lo spostamento della centralità e della importanza della comunicazione da "cio' che l'azienda dice di se (il sito web) a cio' che le persone dicono di lei (i social network) !"


Limitarsi ad una sola forma di comunicazione potrebbe non bastare piu!


Non c'è scampo e nemmeno molto tempo per comprenderlo... è già il momento di agire, ci vuole poco navigando su Facebook, per capire che per molti settori aziendali, aree di business, anche variegate il terreno è davvero fertile !


Chi fra "gli addetti ai lavori" non ha percepito ad esempio l'importanza del mezzo per ad esempio, ristoranti, strutture ricettive, club, associazioni, scuole, organizzazione di eventi, corsi, fiere, fre lance, professionisti e poi ... e poi i "prodotti" candidati n° 1 allo sviluppo di una comunicazione web sempre piu' social!


Come finire questo post? ... bè augurando buon lavoro e buon divertimento a tutti! ;-)

venerdì 3 ottobre 2008

Intervento al Convegno GT 2007

Pubblico qui sul Blog, il video pubblicato da qualche giorno su You Tube dall'organizzazione del Forum del mio intervento di apertura alla edizione 2007 del Convegno GT.

Presto inizeremo la preparazione del convegno 2008, che dovrebbe svolgersi a Riccione nel week end del 6 e 7 dicembre prossimi.

Purtroppo non posso ancora anticipare nulla, ma le sorprese (almeno una sarà fantastica, garantito ;-) ) non mancheranno!

sabato 26 luglio 2008

Google Maps & "user generated content"
















Molto interessante una delle ultime novità in casa Google: le mappe personalizzate generate dagli utenti che hanno fatto il loro ingresso da qualche settimana non soltanto all'interno di Google Maps ma anche nelle SERP !

La prima implicazione che colpisce davvero è l'utilizzo da un dispositivo Mobile :

se la versione di Google Maps per gli smartphone di ultima generazione aveva già la favolosa caratteristica di integrare e comprendere la posizione dell'utente non tanto grazie al GPS (quindi limitatamente a chi lo usa sul dispositivo) quanto in base alla "cellula" geolocalizzata in cui risulta collegata la scheda SIM del proprio telefonino, ora a questo si aggiunge la visualizzazione all'interno delle ricerche (localizzate in base all'area geografica che si sta visualizzando sul dispositivo) di risultati generati dagli utenti!

Nell'immagine qui sopra ad esempio, la visualizzazione della ricerca di un agriturismo nell'area di Pescia/Pistoia (noto territorio della nostra Deborah):

con la consueta icona color rosso, Google indica i suoi risultati "ufficiali" (dal "Local Business Center", da Pagine Gialle e gli altri portali utilizzati, ecc) mentre in blu' i punti georeferenziati direttamente dagli utenti...

Ecco quindi che anche "Punti" non ufficialmente rilevati da Google con le note procedure appaiono comunque nelle ricerche aprendo tutta una serie di considerazioni e possibilità in chiave "marketing" / visibilità: se sono bellissime le ricerche fatte dal dispositivo mobile, per il momento diventano infatti certamente piu' interessanti in termini di potenziali accessi, quelle sulle Serp "ufficiali":


Cosi' effettuando ad esempio, la ricerca "Firenze" , una volta cliccata la mappa che appare come primo risultato in serp, vengono evidenziate all'interno della maschera di Google Maps foto, ma soprattutto alcune mappe, georeferenziate e create dagli utenti (nell'esempio cliccato nell'immagine una lista di sagre intorno a Firenze!).

Vediamo di analizzare quali potrebbero essere i fattori che influiscono sulla presentazione o meno delle mappe :

Ho fatto alcuni test e ricerche oltre a personali considerazioni per cercare di capirne qualcuno, devo dire che le considerazioni che emergono, a mio personale parere, sono molto simili ai fattori che influiscono il Ranking dei risultati locali.. tipo:

1) L'attinenza fra il nome della mappa e la ricerca fatta (questo anche per quanto riguarda l'uscita dei singoli "Punti" georeferenziati su Google maps)

2) Il numero di visualizzazioni della mappa

3) I Link alla mappa (è possibile infatti linkare le mappa create)

4) Il numero di utenti che hanno salvato la mappa fra le proprie preferite

5) Le valutazioni fatte dagli utenti (e possiile dare un voto alle mappe) e il numero di commenti presenti

...

Altro?


giovedì 24 luglio 2008

...e infin uscimmo a riveder le stelle !

Cronaca di una lunga penalizzazione risolta.... (o si tratta piuttosto di una "fluttuazione" temporanea?)

L'immagine parla chiaro... è tempo di festeggiamenti (e non soltanto per le dichiarazioni di Della Valle su Mutu) quel sito finalmente rivede la luce dopo oltre sei mesi di pesantissima penalizzazione.

La serie di interventi fatta è stata davvero lunga:

- trattandosi di un portale turistico (romagna) è stato "eliminato" moltissimo contenuto non a tema (migliaia di pagine !) pur generosamente spinto da centinaia di BL (alcuni formidabili ma fuori tema)

- eliminati BL da network di spinta "poco" limpidi

- eliminati BL da siti controllabili perchè in footer, nascosti e/o simili (decine e decine)

- eliminate landing page e testi con keyword stuffing

- Rivista l'intera struttura della navigazione (e dei link interni)

- Eliminate decine di pagine "isola" (anche generosamente linkate) nel dominio

- ....fatta infine richiesta di rinclusione

Insomma abbiamo fatto e provato di tutto trasformando (non senza qualche timore) un portale da migliaia di pagine e migliaia di link che aveva fatto furore nel suo settore, in un nuovo sito "pulito" con BL piu' limitati ma "buoni" e un numero di pagine in sitemap ridotto del 80% circa!

Tutto è bene quel che finisce bene? merito degli interventi il sito è ormai tornato in posizioni anche migliori di prima, tornando a primeggiare in un settore super competitivo???
...a dire il vero qualche dubbio ce l'ho ancora...... e se fosse solo una fortunata serie di coincidenze? e se questo ritorno alla "normalità" fosse solo temporaneo?

Normalmente questi dovrebbero essere quei momenti che danno piu' soddisfazione nel ns lavoro, ma le osservazioni di questi ultimi mesi non ci fanno stare poi cosi' tranquilli... di solito , infatti, quando si eseguono interventi risolutivi su di un sito penalizzato (quasi sempre azioni di "pulizia" e semplificazioni sui contenuti, eliminazione di spam o simili, sui Bl o sugli outbound link, sui testi, o sul codice , davanti all'incredulità e al timore dei nostri clienti) gli accessi riprendono di colpo solo pochi giorni dopo l'aver individuato l'azione giusta da compiere: stavolta pero' ci sono indizi differenti:

- l'ultimo intervento su quel sito era stato fatto ormai da un paio di mesi e nulla era successo nel frattempo (se non una seconda richiesta di inclusione fatta dal cliente stesso a seguito di ulteriori interventi fatti autonomamente sul portale)

- la data della "ripresa" del sito (16 luglio) ha coinciso con la ripresa anche di altri siti penalizzati seguiti da altri colleghi (Dechigno grazie ;-) ) ma in settori completamente differenti... (qualcun altro ha osservazioni in merito?)

- vi era già stato un episodio (ben visibile nell'immagine) di improvviso e repentino rientro in SERP della durata di appena 2 giorni, a oltre un mese dall'inizio della penalizzazione (durata poi per altri 4 mesi circa)

mmmh, una serie di "segnali" abbastanza peculiari .. saremo di fronte ad una penalizzazione risolta o a una "fluttuazione sinosuidale" entrata in fase positiva?

Forse è presto per poterlo dire con certezza. ma un analisi piu' approfondita degli accessi delle keyword prese singolarmente, rivela poi ad una scala idonea, un fenomeno altrettanto particolare: la penalizzazione, ben evidente nel suo complesso, ha avuto andamenti effettivamente sinosuidali per le singole keyword :

Ecco (qui a sx) il confronto fra gli accessi complessivi da "parole Chiave" su Google, e gli accessi per singole keyword negli utlimi 90 giorni.... piatto il primo grafico, tipicamente "ondeggianti" invece i grafici delle singole keyword prese in "long tail" !

Sinceramente non ricordo di aver osservato fenomeni del genere quando si trattava di "normali penalizzazioni" ...

Singolare (ma non troppo) l'andamento del Crawler sulle pagine... mai del tutto scomparso e ripartito pochi giorni prima il "rientro" del sito in SERP (vedi immagine) anche se un aumento di passaggi si era osservato anche proprio in prossimità dell'inizio della penalizzazione... Ecco l'andamento degli ultimi 3 mesi:



Davvero interessante... ma che ipotesi fare su questo tipo di penalizzazione? Che senso ha far compiere alle pagine un calvario del genere? è un fenomeno legato a specifiche SERP oppure collegato all'utilizzo di specifici algoritmi ?

Vi terro' aggiornati sull'andamento della cosa.... ;-)

Intanto per chi vuole approfondire l'argomento e trovare altre Case History : Qui .

domenica 20 luglio 2008

SEO - Fra tecnica e favole...












Una interessante discussione sta animando il Forum Gt nell'area "Penalizzazioni e consigli SEO": diversi utenti segnalano grosse variazioni nelle SERP (in negativo ovviamente!) registrate durante il mese di giugno, in contemporanea ad uno strano fenomeno di "difficolta' "di indicizzazione di nuovi contenuti da parte di Google.

Ma non è di queste particolari penalizzazioni che vorrei scrivere, ne delle ormai tristemente note "Fluttuazioni sinosuidali" dei risultati che stanno caratterizzando un gran numero di SERP, quanto piuttosto per segnalare una discussione nella discussione nata all'interno del lungo thread...

Un utente segnala la "penalizzazione" di un noto motore di ricerca (Godado.it) all'interno delle SERP di Google , concentrando tutte le sue attenzioni sulle caratteristiche tecniche con cui sono costruite quelle pagine: fondamentalmente una lista infinita di domini di terzo livello (uno per keyword) contenenti una lista di parole correlate (decine!) , tutte a loro volta linkate a serp interne a Godado... prive assolutamente di testo e/o uno straccio di contenuto originale ...(attualmente le pagine non sono accessibili da godado.it ma si trovano ancora nella cache delle serp di Google).

E' mai possibile che ci si possa domandare perchè un MDR di ricerca (non dico Google) le possa penalizzare? andando poi ad analizzare semplici questioni tecniche sulla struttura delle pagine o della posizione dei link?

Fare SEO implica una grande conoscenza tecnica, spesso interventi di URL rewrite, redirect particolari, modifiche ai codici delle pagine, ecc sono determinanti per una risoluzione di problemi di penalizzazione e posizionamento anche gravi... ma non è possibile perdere di vista quella che io ritengo essere la regola generale piu' importante per evitare di incorrere in penalizzazioni...

La cosiddetta regola di "Biancaneve" : osserva le tue SERP e i siti che le compongono... poi vai davanti ad uno specchio ;-) e fatti piu' volte la fatidica domanda.. "Specchio, specchio delle mie brame il mio sito è ancora, nel mio settore, una delle migliori risorse del reame (web) ? "

Fino a che vi risponderete di Si, non avrete di che preoccuparvi... le penalizzazioni saranno quasi sempre risolvibili e superabili grazie ad accorgimenti ed esperienza prettamente tecnica, ma quando vi risponderete di no... bè allora è il caso di cominciare a preoccuparvi!

Ecco il link al mio intervento nel Thread ...

sabato 19 luglio 2008

Riprendo a postare!



..era tempo che volevo farlo, cosi' complici il caldo estivo e le vacanze imminenti, ho deciso: apro un Blog!

Ho messo quindi insieme un po' di materiale sparso qua e la' nella rete per ripartire da un nuovo punto fermo:

Content is King ! il (nuovo) Blog di Nicola Briani

Buona Lettura!

Si è verificato un errore nel gadget