sabato 26 luglio 2008

Google Maps & "user generated content"
















Molto interessante una delle ultime novità in casa Google: le mappe personalizzate generate dagli utenti che hanno fatto il loro ingresso da qualche settimana non soltanto all'interno di Google Maps ma anche nelle SERP !

La prima implicazione che colpisce davvero è l'utilizzo da un dispositivo Mobile :

se la versione di Google Maps per gli smartphone di ultima generazione aveva già la favolosa caratteristica di integrare e comprendere la posizione dell'utente non tanto grazie al GPS (quindi limitatamente a chi lo usa sul dispositivo) quanto in base alla "cellula" geolocalizzata in cui risulta collegata la scheda SIM del proprio telefonino, ora a questo si aggiunge la visualizzazione all'interno delle ricerche (localizzate in base all'area geografica che si sta visualizzando sul dispositivo) di risultati generati dagli utenti!

Nell'immagine qui sopra ad esempio, la visualizzazione della ricerca di un agriturismo nell'area di Pescia/Pistoia (noto territorio della nostra Deborah):

con la consueta icona color rosso, Google indica i suoi risultati "ufficiali" (dal "Local Business Center", da Pagine Gialle e gli altri portali utilizzati, ecc) mentre in blu' i punti georeferenziati direttamente dagli utenti...

Ecco quindi che anche "Punti" non ufficialmente rilevati da Google con le note procedure appaiono comunque nelle ricerche aprendo tutta una serie di considerazioni e possibilità in chiave "marketing" / visibilità: se sono bellissime le ricerche fatte dal dispositivo mobile, per il momento diventano infatti certamente piu' interessanti in termini di potenziali accessi, quelle sulle Serp "ufficiali":


Cosi' effettuando ad esempio, la ricerca "Firenze" , una volta cliccata la mappa che appare come primo risultato in serp, vengono evidenziate all'interno della maschera di Google Maps foto, ma soprattutto alcune mappe, georeferenziate e create dagli utenti (nell'esempio cliccato nell'immagine una lista di sagre intorno a Firenze!).

Vediamo di analizzare quali potrebbero essere i fattori che influiscono sulla presentazione o meno delle mappe :

Ho fatto alcuni test e ricerche oltre a personali considerazioni per cercare di capirne qualcuno, devo dire che le considerazioni che emergono, a mio personale parere, sono molto simili ai fattori che influiscono il Ranking dei risultati locali.. tipo:

1) L'attinenza fra il nome della mappa e la ricerca fatta (questo anche per quanto riguarda l'uscita dei singoli "Punti" georeferenziati su Google maps)

2) Il numero di visualizzazioni della mappa

3) I Link alla mappa (è possibile infatti linkare le mappa create)

4) Il numero di utenti che hanno salvato la mappa fra le proprie preferite

5) Le valutazioni fatte dagli utenti (e possiile dare un voto alle mappe) e il numero di commenti presenti

...

Altro?


giovedì 24 luglio 2008

...e infin uscimmo a riveder le stelle !

Cronaca di una lunga penalizzazione risolta.... (o si tratta piuttosto di una "fluttuazione" temporanea?)

L'immagine parla chiaro... è tempo di festeggiamenti (e non soltanto per le dichiarazioni di Della Valle su Mutu) quel sito finalmente rivede la luce dopo oltre sei mesi di pesantissima penalizzazione.

La serie di interventi fatta è stata davvero lunga:

- trattandosi di un portale turistico (romagna) è stato "eliminato" moltissimo contenuto non a tema (migliaia di pagine !) pur generosamente spinto da centinaia di BL (alcuni formidabili ma fuori tema)

- eliminati BL da network di spinta "poco" limpidi

- eliminati BL da siti controllabili perchè in footer, nascosti e/o simili (decine e decine)

- eliminate landing page e testi con keyword stuffing

- Rivista l'intera struttura della navigazione (e dei link interni)

- Eliminate decine di pagine "isola" (anche generosamente linkate) nel dominio

- ....fatta infine richiesta di rinclusione

Insomma abbiamo fatto e provato di tutto trasformando (non senza qualche timore) un portale da migliaia di pagine e migliaia di link che aveva fatto furore nel suo settore, in un nuovo sito "pulito" con BL piu' limitati ma "buoni" e un numero di pagine in sitemap ridotto del 80% circa!

Tutto è bene quel che finisce bene? merito degli interventi il sito è ormai tornato in posizioni anche migliori di prima, tornando a primeggiare in un settore super competitivo???
...a dire il vero qualche dubbio ce l'ho ancora...... e se fosse solo una fortunata serie di coincidenze? e se questo ritorno alla "normalità" fosse solo temporaneo?

Normalmente questi dovrebbero essere quei momenti che danno piu' soddisfazione nel ns lavoro, ma le osservazioni di questi ultimi mesi non ci fanno stare poi cosi' tranquilli... di solito , infatti, quando si eseguono interventi risolutivi su di un sito penalizzato (quasi sempre azioni di "pulizia" e semplificazioni sui contenuti, eliminazione di spam o simili, sui Bl o sugli outbound link, sui testi, o sul codice , davanti all'incredulità e al timore dei nostri clienti) gli accessi riprendono di colpo solo pochi giorni dopo l'aver individuato l'azione giusta da compiere: stavolta pero' ci sono indizi differenti:

- l'ultimo intervento su quel sito era stato fatto ormai da un paio di mesi e nulla era successo nel frattempo (se non una seconda richiesta di inclusione fatta dal cliente stesso a seguito di ulteriori interventi fatti autonomamente sul portale)

- la data della "ripresa" del sito (16 luglio) ha coinciso con la ripresa anche di altri siti penalizzati seguiti da altri colleghi (Dechigno grazie ;-) ) ma in settori completamente differenti... (qualcun altro ha osservazioni in merito?)

- vi era già stato un episodio (ben visibile nell'immagine) di improvviso e repentino rientro in SERP della durata di appena 2 giorni, a oltre un mese dall'inizio della penalizzazione (durata poi per altri 4 mesi circa)

mmmh, una serie di "segnali" abbastanza peculiari .. saremo di fronte ad una penalizzazione risolta o a una "fluttuazione sinosuidale" entrata in fase positiva?

Forse è presto per poterlo dire con certezza. ma un analisi piu' approfondita degli accessi delle keyword prese singolarmente, rivela poi ad una scala idonea, un fenomeno altrettanto particolare: la penalizzazione, ben evidente nel suo complesso, ha avuto andamenti effettivamente sinosuidali per le singole keyword :

Ecco (qui a sx) il confronto fra gli accessi complessivi da "parole Chiave" su Google, e gli accessi per singole keyword negli utlimi 90 giorni.... piatto il primo grafico, tipicamente "ondeggianti" invece i grafici delle singole keyword prese in "long tail" !

Sinceramente non ricordo di aver osservato fenomeni del genere quando si trattava di "normali penalizzazioni" ...

Singolare (ma non troppo) l'andamento del Crawler sulle pagine... mai del tutto scomparso e ripartito pochi giorni prima il "rientro" del sito in SERP (vedi immagine) anche se un aumento di passaggi si era osservato anche proprio in prossimità dell'inizio della penalizzazione... Ecco l'andamento degli ultimi 3 mesi:



Davvero interessante... ma che ipotesi fare su questo tipo di penalizzazione? Che senso ha far compiere alle pagine un calvario del genere? è un fenomeno legato a specifiche SERP oppure collegato all'utilizzo di specifici algoritmi ?

Vi terro' aggiornati sull'andamento della cosa.... ;-)

Intanto per chi vuole approfondire l'argomento e trovare altre Case History : Qui .

domenica 20 luglio 2008

SEO - Fra tecnica e favole...












Una interessante discussione sta animando il Forum Gt nell'area "Penalizzazioni e consigli SEO": diversi utenti segnalano grosse variazioni nelle SERP (in negativo ovviamente!) registrate durante il mese di giugno, in contemporanea ad uno strano fenomeno di "difficolta' "di indicizzazione di nuovi contenuti da parte di Google.

Ma non è di queste particolari penalizzazioni che vorrei scrivere, ne delle ormai tristemente note "Fluttuazioni sinosuidali" dei risultati che stanno caratterizzando un gran numero di SERP, quanto piuttosto per segnalare una discussione nella discussione nata all'interno del lungo thread...

Un utente segnala la "penalizzazione" di un noto motore di ricerca (Godado.it) all'interno delle SERP di Google , concentrando tutte le sue attenzioni sulle caratteristiche tecniche con cui sono costruite quelle pagine: fondamentalmente una lista infinita di domini di terzo livello (uno per keyword) contenenti una lista di parole correlate (decine!) , tutte a loro volta linkate a serp interne a Godado... prive assolutamente di testo e/o uno straccio di contenuto originale ...(attualmente le pagine non sono accessibili da godado.it ma si trovano ancora nella cache delle serp di Google).

E' mai possibile che ci si possa domandare perchè un MDR di ricerca (non dico Google) le possa penalizzare? andando poi ad analizzare semplici questioni tecniche sulla struttura delle pagine o della posizione dei link?

Fare SEO implica una grande conoscenza tecnica, spesso interventi di URL rewrite, redirect particolari, modifiche ai codici delle pagine, ecc sono determinanti per una risoluzione di problemi di penalizzazione e posizionamento anche gravi... ma non è possibile perdere di vista quella che io ritengo essere la regola generale piu' importante per evitare di incorrere in penalizzazioni...

La cosiddetta regola di "Biancaneve" : osserva le tue SERP e i siti che le compongono... poi vai davanti ad uno specchio ;-) e fatti piu' volte la fatidica domanda.. "Specchio, specchio delle mie brame il mio sito è ancora, nel mio settore, una delle migliori risorse del reame (web) ? "

Fino a che vi risponderete di Si, non avrete di che preoccuparvi... le penalizzazioni saranno quasi sempre risolvibili e superabili grazie ad accorgimenti ed esperienza prettamente tecnica, ma quando vi risponderete di no... bè allora è il caso di cominciare a preoccuparvi!

Ecco il link al mio intervento nel Thread ...

sabato 19 luglio 2008

Riprendo a postare!



..era tempo che volevo farlo, cosi' complici il caldo estivo e le vacanze imminenti, ho deciso: apro un Blog!

Ho messo quindi insieme un po' di materiale sparso qua e la' nella rete per ripartire da un nuovo punto fermo:

Content is King ! il (nuovo) Blog di Nicola Briani

Buona Lettura!

Si è verificato un errore nel gadget