mercoledì 23 dicembre 2009

Amore, mi hai mai tradito? no cara, non ti ho pressochè mai tradito!

...comunque se hai dei dubbi riguardo la mia collega dell'ufficio, bè meglio se gli togli il saluto lo stesso! :-D

Non so voi, ma se rispondessi cosi' ad una domanda del genere a mia moglie credo che rischierei parecchio! Leggendola in quest'ottica, vengono meno tutti i dubbi su uno dei punti salienti della recente "webmaster Live Chat" di google della scorsa settimana:



"un concorrente o un altro sito non possono pressoché danneggiarti. Nel caso tu sia preoccupato per i link in entrata provenienti da alcuni siti che non gradisci ti suggeriamo di contattare il proprietario o il webmaster (per rimuoverlo)."

Se non è un ammissione questa....

A parte gli scherzi (ma mica tanto) vi consiglio di leggerla a fondo e con molta attenzione la presentazione del Quality Search team italiano di google , che se non rivela chissà quale segreto o grande novità, conferma fra le righe una serie di interessanti aspetti.

Oltre ai possibili danni che "cattivi" link possono quindi creare, si è infatti anche parlato di diversi altri argomenti da sempre al centro di elecubrazioni e dibattiti vari, per esempio di link a pagamento e uso di directory ai fini "seo":

anche qui bisogna saper leggere bene fra le righe cercando un senso alle frasi sia della presentazione sia soprattutto nelle risposte alle domande fatte poi in chat (qui la trascrizione completa) dove nel complesso viene fuori un quadro abbastanza chiaro (almeno secondo la mia interpretazione) :

- le directory che chiedono scambio link è inutile usarle (o farle, dipende dai punti di vista) perchè un link ottenuto cosi' è sostanzialmente uguale ad un link comprato

- le directory a pagamento (senza "nofollow") sono molto a rischio (nel senso che il link ottenuto non abbia valore), a meno che non vi sia comunque una scelta editoriale ben esplicitata riguardo ai siti inseriti ( non pare quindi vera l'equazione link a pagamento="zero valore" a prescindere)

- Le recensioni e "l'article marketing"(anche a pagamento) sono molto piu' tollerate del semplice link ("...Se davvero la pagina di destinazione del link rappresenta, secondo il webmaster, una risorsa valida, meritevole dunque di un voto attraverso un link, forse sarebbe il caso di dedicare a questo link maggiore attenzione: ad esempio, sforzandosi di scrivere un post, una pagina, o altro per inserire quel link in un contesto unico di contenuto organico...")

Mi ha fatto poi piacere tra le altre cose , vedere confermato quel valore di "200" parametri circa utilizzati dall'algoritmo di Gooogle per il calcolo del ranking, che corrisponde in maniera quasi incredibile ai primi ragionamenti che facemmo ai tempi della pubblicazione del paper su "Big table" nel 2006 ("...vengono quindi archiviate 200 celle (quindi “parametri”) per ciascun documento, possibile?..." ). Tra l'altro vi segnalo questa bella discussione sul Search Engine Journal.

Si è parlato poi di "link sculpting", dei link "venduti" da pagine gialle, della non garanzia di completo "ritorno" dopo una penalizzazione, ecc ecc e molto altro che come detto consiglio vivamente di leggere con attenzione!

Per concludere mi è piaciuto "il clima" e quell'umana "vicinanza" :-) che si tende a sottovalutare ogni volta che si parla o si discute di google fra webmaster... si parla di algoritmi, certo, ma l'aspetto "umano" che emerge dalla presentazione è senz'altro forte.

Bene! era l'ora che si cercasse di instaurare un rapporto un po' piu' "personale" anche parlando di "search" e "seo" e non solo in caso di prodotti e servizi.

Ho anche in un certo senso, percepito piu' di prima l'influenza della valutazione "umana" nel "tuning" dell'algoritmo.. insomma che Google è poi fatto anche di persone, alla fine ce ne scordiamo spesso!

Non avevo nemmeno mai letto con molta attenzione il Forum per webmaster di Google (qui il link alla sezione dedicata alla Chat del 16 dicembre) ma devo dire che invece, sapendo cercare e leggendo con attenzione, vi si trovano molte piu' informazioni di quello che a prima vista puo' sembrare. ;-)

giovedì 17 dicembre 2009

mercoledì 16 dicembre 2009

Curiosi esperimenti di "Personalized Search" ?


Premesso che della Google Personalized Search potete leggere tutte le informazioni sull'ottimo post del Taglia oggi mi è capitato di fare alcune prove e piccoli esperimenti intorno alla nuova funzionalità di Google.

Mi stavo interrogando infatti, su come presenteremo ora i Report SEO, se sarà il caso di cancellare i cookie prima di lanciarli o meno, pensando che comunque dato che mediamente un cliente tende a cercarsi nelle serp e a cliccarsi pure, forse i risultati che vedrà potrebbero essere anche migliori di quelli che sono :-) mah...

Comunque il video di presentazione parla chiaro, la "personalized search" dovrebbe dare indicazioni in piu' per aiutare la corretta interpretazione semantica della query di un utente: se sei un "pescatore", ad esempio, lo storico di ricerche e click sulle serp da te fatto in passato dovrebbe aiutare Google a mostrarti i risultati corretti per una ricerca tipo "pesca" , cioè indirizzandoti su siti dedicati al mondo della pesca e non a quelli che parlano di frutta (la "pèsca" appunto) piu' utili alle ricerche che so' di un ortolano.... ma non c'è invece nessun accenno al fatto se le visite passate di un utente ad un sito diano a quel sito un boost in piu' nelle query future di quello stesso utente...

Perchè in tal caso il mio dubbio e' questo:

ma se l'esperienza della "personalized search" come la conoscevamo fin d'ora (cioè solo da "loggati") sembrava premiare invece (e soprattutto) i siti piu' visitati nel passato, ora che viene istituzionalizzata anche agli "sloggati" (grazie ai cookie) non è che si premi quindi indirettamente chi fa uso di campagne pay per click?

Ho clienti che fanno pay per click costantemente tutti i mesi da anni... i loro siti sono quindi visitati da moltissimi utenti grazie al PPC, quindi se le serp sono indistintamente influenzate dagli storici di navigazione di ognuno, vuol dire che adesso chi fa uso di PPC ha improvvisamente un boost che prima non aveva anche nell'organico.

Sarà?

Ho fatto una piccola prova :-) Chi non ha una query che fa ogni giorno su Google e ne conosce a memoria la serp? Chi non è tentato ogni volta che fa quella query a cliccare sul proprio risultato "favorito" perchè comunque già che ci siamo non si sa mai influenzi un po'? :-D

Bè non so voi, ma se siete seo-infermi-dipendenti come me lo fate sicuramente anche voi.. io lo faccio da almeno 10 mesi ogni giorno su una stessa query cliccando sempre sullo stesso risultato (il mio sito!) ..avevo quindi un ottimo banco di prova per testare gli effetti della "personalized search":

In ufficio uso costantemente due Pc (il mio portatile e un desktop) uscendo sempre comunque con lo stesso IP e da entrambi faccio piu' o meno ogni giorno quella query e visito piu' o meno ogni giorno quel sito...

Stamattina ero 2° su una macchina e 8° sull'altra (sloggato da google) con due serp leggermente diverse anche nei risultati. Fin qui tutto normale, diversi datacenter capitano frequentemente... ma ho provato a cancellare i cookie su entrambi i PC e , sorpresa, ripetendo la query, due serp identiche con il mio sito in 4° posizione su entrambi!

E usando un PC di un collega (che mai aveva visitato quel sito e fatto quella query) anche lui vedeva il sito in 4° posizione.

Ora mi domando: si puo' concludere che quelle due serp fossero quindi influenzate dalla "personalized search" ? io direi che è molto probabile...

Ma allora perchè se si trattava di un sito visitatissimo dal "mio Cookie" in un caso veniva premiato (piu' due posizioni rispetto alla serp "pulita") e in un caso no (meno 4 posizioni) ???

Qualcuno ha provato a cancellare i cookie su query "abituali"?

martedì 8 dicembre 2009

Favorite Place - L'augmented Reality di google nelle vetrine degli esercizi commerciali

Sono circa 100.000 gli esercizi commerciali (per ora rigorosamente in USA) che riceveranno direttamente da Google un adesivo identico a questo mostrato sulla sx da attaccare sulle loro vetrine e porte d'ingresso.

"We're a FAVORITE PLACE on Google", o meglio un locale segnalato fra i favoriti dagli utenti di Google (maps).

Inoltre attraverso il codice a barre bidimensionale (QR code) presente sulla parte inferiore dx, sarà possibile visionare, con i principali dispositivi e mobile, le recensioni e i commenti degli utenti sull'esercizio commerciale visionandoli sullo schermo del proprio telefono, giusto davanti all'entrata del negozio (o albergo, ristorante, ecc ecc) !

Se vuoi conoscere i primi 100.000 locali selezionati puoi sfogliarli qui:

http://www.google.com/help/maps/favoriteplaces/gallery/index.html#los-angeles-ca

In pratica semplicemente "fotografando" il cartellino esposto, si viene redirecti sulla relativa "Place Page" dell'esercizio commerciale (ad esempio questa) con la possibilità di sfogliare e leggere commenti e recensioni "raccolti" da Google.

Per capire ancora meglio come funziona clicca sull'immagine qui sotto e guarda il Video promozionale realizzato da Google:



Guarda il video


Bè, davvero interessante... un motivo in piu' per considerare l'importanza della presenza degli esercizi commerciali sul Google local Business Center, visto che è l'unico modo per ambire ad essere selezionati a ricevere il "prezioso" adesivo.

Come detto il servizio è stato attivato solo in USA, ma è facile immaginare che presto lo sarà anche in Italia...

Quindi la prima cosa da capire è: "Ma come si fa ad essere selezionati come Favorite Places? " :-)

A leggere le FAQ del servizio (qui) sembra che i criteri siano semplici (e , ahimè, "poco controllabili") :

1. Essere registrati come detto sul Google local Business Center (non solo presenti grazie ad elenchi esterni, tipo pagine Gialle, ma iscritti effettivamente al servizio)

2. Sperare di essere popolari nelle ricerche degli utenti su Google map, e soprattutto che "molti" di questi si "mostrino interessati" alla nostra scheda, come recita nelle FAQ il punto relativo a "...as determined by how many times Google users looked for more information about a business, requested driving directions to get there, and more..."

Nelle stesse FAQ Google fa notare come 100.000 esercizi sugli oltre 28 milioni totali presenti in USA rappresenti una fortunata selezione inferiore all' 1% del totale... c'è da giurare che sarà una riconoscimento davvero ambito.

Se vuoi avere maggiori informazioni, in Italia ne hanno già scritto:

- Giovannicerminara.com (che ringrazio per la segnalazione)
- Panorama.it
- Zeropuntodue.it

NOTA BENE - Il servizio va a completare la precedente iniziativa (che non va confusa con questa) dedicata ai "favorite place" di VIP e personalità, che anchessi selezionati da Google, hanno indicato i loro luoghi, negozi, ristoranti ecc ecc favoriti nel mondo...

Se siete interessati a sapere dova ama mangiare Barack Obama o fare la spesa Paulo Coelho o Al Gore, il link è questo: http://www.google.com/help/maps/favoriteplaces/
Vedi per questo l'articolo di EspertoSEO.it

Google lancia la real-time search

Lo apprendo da Mashable.com, Google ha lanciato ufficialmente la Real Time Search: cinguettii (twitters), yahoo answer, news, e presto contenuti di pagine pubbliche di facebook, appaiono "live" in un apposito box dedicato (Latest Results for:) nella parte top delle pagine dei risultati, per query "calde" e molto ricercate

Qui il video ufficiale di Google che descrive il servizio.

Forse qualcuno dei SEO nostrani dovrà presto rivedere la sua posizione rispetto ai Fattori "Social SEO" (vedi la 25° slide) discussi proprio ieri al IV Convegno GT di Riccione!! :-D

Il servizio non è ancora attivo per tutti i ma è possibile vedere il funzionamento partendo da Google Trends e cliccando su uno degli "Hot Topics (usa)": la pagina dei risultati che si apre, sembra in tutto e per tutto una normale pagina di Google ma dopo alcuni attimi appare (bellissimo) il Box con i risultati in real-time (vedi immagine qui in alto).

Cliccando sul titolo del Box si entra in effetti nella serp specifica raggiungibile dal già presente "Show options/latest" dove si alternano risultati da Twitter, news, pagine web, ecc ecc:


Carino anche il nuovo Box che mostra l'andamento della stessa query su Google Trends, posizionato invece in fondo alla pagina dei risultati:


Che cosa cambia adesso in chiave SEO e Web marketing?

Bè.. lo vedremo, ma cambierà molto, forse moltissimo.. soprattutto per tutti quei "progetti" che puntano a Top Keywords, alla promozione di eventi e chissà quali altri ambiti...

Certo vedere un proprio "Twitter" uscire in Real Time come primo risultato di Google per la query piu' ricercata del momento ... scatenerà la "fantasia" di molti e aprirà certo nuovi scenari!

Buon divertimento!

p.s qui il post al comunicato ufficiale di google pubblicato ieri e qui cio' che ha scritto Matt Cutts
Si è verificato un errore nel gadget